|  home  | presentazione | chi siamo | per chi siamo | dove siamo | il nostro scopo | i fondatori  | per lo stesso ideale | breve storia | la cappella | la nostra Madonna  |
| il periodicoi nostri santi protettori
| mappa del sito |



SUOR ADA TASCHERA

Suor Ada Taschera figlia di Natale e Ines Bonazzi nacque a San Giorgio di Mantova il 14 aprile 1903 in una patriarcale famiglia della campagna mantovana. Il padre Natale, imprenditore edile, notate le doti intellettuali della primogenita (dopo di lei nascevano due figli uno dei quali mori all'età di due anni), decise di iscriverla all'Istituto Magistrale. Nel 1920 Ada consegui il diploma di maestra e lo stesso anno si iscrisse alla Facoltà femminile di Magistero a Firenze, nel Corso di laurea in Materie Letterarie. Concluse gli esami nel 1924, rinunciando alla discussione della tesi di Laurea per seguire il fratello Aldo a Milano dove aveva trovato impiego, dato che la sua lontananza preoccupava i familiari.

Insieme al fratello Aldo, Ada visse alcuni anni a Milano dove fu assunta come impiegata presso la ditta Lagomarsino produttrice di macchine da scrivere. Nel 1928 la Taschera venne trasferita a Genova a dirigervi la filiale della Lagomarsino e contemporaneamente il fratello veniva assunto nella stessa ditta. Arrivarono a Genova il 28 febbraio 1928 e Ada Taschera iniziò subito il suo difficile compito direttivo tra numerosi impiegati. Trovò alloggio presso il Pensionato delle Suore della Purificazione in Via Serra, e lì conobbe la Signorina Teresa Carbonaro di Cividale del Friuli che divenne poi una grande amica e benefattrice della P.O.R.A.

Nel frattempo il fratello Aldo si sposò e suor Ada andò per un periodo ad abitare con lui.

Durante la seconda guerra mondiale, anche per la famiglia Taschera si rese necessario il trasferimento in un luogo lontano dai bombardamenti su Genova. Dal 1943 al 1945 circa Ada visse a Pietrabissara, provincia di Alessandria e diocesi di Tortona, dove era parroco Don Valentino Vailati, poi Vescovo di San Severo  e infine Arcivescovo di Manfredonia - Vieste in Puglia. Fu in quel periodo che il Signore ispirò a Suor Ada di fondare la Piccola Opera Regina Apostolorum  che ebbe poi il suo inizio ufficiale il 2 febbraio 1948 a Genova.

 Dopo la morte della Fondatrice Suor Ada Taschera avvenuta il 7 novembre 1995, Mons. Vailati inviò una lettera alla PORA che mette molto bene in rilievo le caratteristiche della sua personalità.

 “…Voglio tracciare un riverente ricordo di Suor Ada Taschera fondatrice e Direttrice della Piccola Opera, e cosi partecipare al cordoglio delle sue Figlie, delle Oblate, delle Amiche e di quanti altri hanno approvato, sostenuto, aiutato la fondazione della PORA.

La morte di Suor Ada non mi ha colto di sorpresa, avendo presente i lunghi anni di vita e il progressivo indebolimento delle forze. Mi rimane però il rammarico per la scomparsa di una donna che ebbe una eccezionale personalità, ricca di doti umane e cristiane e che seppe mettersi con coraggio a servizio della Chiesa, nel sacerdozio ministeriale. Non si può spiegare questo suo donarsi mai indebolito nel corso della lunga vita, senza dover ricorrere alla sorgente della Fede; una fede forte, schietta, coraggiosa che seppe vincere non poche difficoltà che le si presentarono da ogni parte e da ogni ceto di persone. Perché ha creduto, ha vinto. Pensate che nel 1943 l'idea di sostenere i sacerdoti, di accoglierli, di confortarli non era cosi ben accolta come lo è al presente. Bisognava avere una lucida lungimiranza per affrontare l'inizio di un'Opera che doveva essere utile più che alla Chiesa del presente a quella del futuro. Cosi di fatti è avvenuto.

Altra caratteristica della personalità di Suor Ada Taschera, mi sembra quella della concretezza, della precisione, della efficienza, nel senso di voler fare le cose bene, con fondamento, con capacità di muoversi e di vivere per l'Opera.

In questo le è stato di aiuto la sua carriera di amministratrice di una azienda rinomata, almeno a quei tempi, per la sua stabilità finanziaria. Tutto ciò non impediva a Suor Ada Taschera di iniziare e di consolidare la sua Opera con un grande abbandono alla Divina Provvidenza".

 

c