LITURGIA DEL GIORNO

                                                       
                                                
HOME


 


visita il sito

Domenica 20 ottobre - GIORNATA MISSIONARIA MONDIALE

Messaggio del Papa

Il mese di Ottobre inizia con la memoria di
Santa Teresa di Gesù Bambino
e con la memoria degli Angeli Custodi
alla cui protezione ci affidiamo insieme a quella della nostra
Mamma del Cielo
Regina del Santo Rosario.

1 Ottobre
S. Teresa di Gesù Bambino


Speciale protettrice
della P.O.R.A.

v. I nostri Santi Protettori

Riflessioni sul Sacerdozio di S.Teresa
  v. pagine da sfogliare

2 Ottobre
Santi Angeli Custodi

Nella storia della salvezza, Dio affida agli Angeli l'incarico di proteggere i patriarchi, i suoi servi e tutto il popolo eletto. Pietro in carcere viene liberato dal suo Angelo. Gesù a difesa dei piccoli dice che i loro Angeli vedono sempre il volto del Padre che sta nei Cieli.
Figure celesti presenti nell'universo religioso e culturale della Bibbia - così come di molte religioni antiche - e quasi sempre rappresentati come esseri alati (in quanto forza mediatrice tra Dio e la Terra)gli angeli trovano l'origine del proprio nome nel vocabolo greco anghelos = messaggero. Non a caso, nel linguaggio biblico, il termine indica una persona inviata per svolgere un incarico, una missione. Ed è proprio con questo significato che la parola ricorre circa 175 volte nel Nuovo Testamento e 300 nell'Antico Testamento, che ne individua anche la funzione di milizia celeste, suddivisa in 9 gerarchie: Cherubini, Serafini, Troni, Dominazioni, Potestà, Virtù celesti, Principati, Arcangeli, Angeli.
I santi Angeli Custodi,  chiamati in primo luogo a contemplare il volto di Dio nel suo splendore, furono anche inviati agli uomini dal Signore, per accompagnarli e assisterli con la loro invisibile ma premurosa presenza.


OTTOBRE MESE DEL ROSARIO


Il Rosario è nato dall'amore dei cristiani per Maria in epoca medioevale, forse al tempo delle crociate in Terrasanta. L'oggetto che serve alla recita di questa preghiera, cioè la corona, è di origine molto antica. Gli anacoreti orientali usavano pietruzze per contare il numero delle preghiere vocali. Nei conventi medioevali i fratelli laici, dispensati dalla recita del salterio per la scarsa familiarità col latino, integravano le loro pratiche di pietà con la recita dei "Paternostri", per il cui conteggio San Beda il Venerabile aveva suggerito l'adozione di una collana di grani infilati a uno spago. Poi, narra una leggenda, la Madonna stessa, apparendo a S. Domenico, gli indicò nella recita del Rosario un'arma efficace per debellare l'eresia albigese.

Nacque così la devozione alla corona del Rosario, che ha il significato di una ghirlanda di rose offerta alla Madonna. Promotori di questa devozione sono stati infatti i domenicani, ai quali va anche la paternità delle confraternita del Rosario.
Fu un papa domenicano, S. Pio V, il primo a incoraggiare e a raccomandare ufficialmente la recita del Rosario, che in breve tempo divenne la preghiera popolare per eccellenza, una specie di "breviario del popolo", da recitarsi la sera, in famiglia, poiché si presta benissimo a dare un orientamento spirituale alla liturgia familiare.
Quelle "Ave Maria" recitate in famiglia sono animate da un autentico spirito di preghiera:
"E mentre si propaga la dolce e monotona cadenza delle "Ave Maria", il padre o la madre di famiglia pensano alle preoccupazioni familiari, al bambino che attendono o ai problemi che già pongono i figli più grandi. Questo insieme di aspetti della vita familiare subisce allora l'illuminazione del mistero salvifico del Cristo, e viene spontaneo affidarlo con semplicità alla madre del miracolo di Cana e di tutta quanta la redenzione"
(Schillebeeckx).

La celebrazione della festa della Madonna del Rosario, istituita da S. Pio V per commemorare la vittoria riportata nel 1571 a Lepanto contro la flotta turca (inizialmente si diceva "S. Maria della Vittoria"), il giorno 7 ottobre, che in quell'anno cadeva di domenica, venne estesa nel 1716 alla Chiesa universale, e fissata definitivamente al 7 ottobre da S. Pio X nel 1913. La "festa del santissimo Rosario", com'era chiamata prima della riforma del calendario del 1960, compendia in certo senso tutte le feste della Madonna e insieme i misteri di Gesù, ai quali Maria fu associata, con la meditazione dei vari momenti della vita di Maria e di Gesù.

(da Santi, Beati e testimoni)

IMPORTANZA DI MEDITARE IL S. ROSARIO

“E' utile che noi impariamo a recitare il Rosario santamente, cioè con intelligenza e amore.
In ogni mistero si può ricavare, considerare una verità che insegna la Chiesa; secondo, un insegnamento morale, ascetico; e, in terzo luogo, una grazia particolare da chiedersi.
Il Rosario è una breve teologia se la si considera nel suo complesso dei misteri.
E' un riassunto del catechismo e un riassunto di teologia, quindi si può chiamare anche: la piccola teologia di Gesù e di Maria”.
(Don Giacomo Alberione)


Il Rosario consta di due elementi: uno materiale e l'altro spirituale.

L'elemento materiale consiste nell'enunciare i misteri e nel proferire il Padre Nostro, le varie Ave Maria e il Gloria al Padre.
L'elemento spirituale consiste nella contemplazione del mistero.
Questo è l'elemento specifico del Rosario.
Se mancasse, si avrebbe la recita di tanti Pater e Ave, preghiere senza dubbio eccellenti, ma non si avrebbe il Rosario. Non sarebbe più il Vangelo trasmesso alla nostra vita.
Ancor più, se si recitassero le varie preghiere, ma non si enunciasse il mistero e non si facesse la relativa contemplazione, ci si troverebbe di fronte ad una preghiera anche abbastanza lunga e certamente meritoria, ma non avremmo ancora il Rosario.
Con questo non si vuole concludere che chi fa così non prega. Semplicemente si vuol dire che non ha pregato con il Rosario, perché il Rosario è un'altra cosa.
Sottolineava Paolo VI: “
senza contemplazione, il Rosario è corpo senza anima, e la sua recita rischia di divenire meccanica ripetizione di formule e di contraddire all'ammonimento di Gesù: quanto pregate, non siate ciarlieri come i pagani, che credono di essere esauditi in ragione della loro loquacità”.

Ma cosa occorre fare, per meditare e meditare bene?

Innanzitutto, “nella contemplazione dei misteri si devono fare essenzialmente tre cose: la ripresentazione dell'evento di salvezza (mistero), il ringraziamento per l'evento compiuto da Nostro Signore, la supplica a Dio in virtù dell'evento compiuto”.
Infatti "diventa difficile contemplare l'evento se non lo si conosce".
Occorre quindi “partire dal Vangelo, immergersi nei sentimenti di Gesù e rivivere quello che Egli stesso ha vissuto in quel frangente.
Accanto a questa immersione, se ne può fare un'altra: quella di vedere il mistero con gli occhi di Maria”.

In effetti, nel Rosario, come ci ricorda Papa Giovanni Paolo II nella Rosarium Virginis Mariae, noi "ci mettiamo alla contemplazione del volto di Cristo in compagnia e alla scuola della sua Madre Santissima” .

Papa Benedetto XVI, nel discorso pronunciato presso il Santuario di Aparecida, il 12 maggio 2007, proprio al termine della recita del Santo Rosario, disse che Maria: "guida la nostra meditazione; è Lei che ci insegna a pregare.
È Lei che ci addita il modo di aprire le nostre menti e i nostri cuori alla potenza dello Spirito Santo, che viene per essere trasmesso al mondo intero... Attraverso i cicli meditativi (del Rosario), il divino Consolatore vuole introdurci nella conoscenza del Cristo che sgorga dalla fonte limpida del testo evangelico".


Per cominciare a pregare il Rosario “meditandolo”, può essere utile far seguire all'enunciazione del mistero la lettura del corrispondente brano evangelico, per cercare di avere poi in mente la scena in cui si svolge l'evento, aiutando quindi l' immaginazione a “calarsi” nel contesto anche ambientale, di ciò che si va contemplando.
Per qualcuno potrebbe essere utile osservare solo delle belle illustrazioni relative ai misteri, riportando poi alla mente, in maniera spontanea, le parole del Vangelo.
E man mano che si prenderà familiarità con questo modo di contemplare, sarà più semplice meditare i misteri anche qualora non si avesse a disposizione nessun “aiuto”.

Il passo successivo all'immaginazione della scena in cui si svolge il mistero è di tipo più “interiore”; potremmo chiederci: cosa avranno pensato o fatto Nostro Signore e la Vergine, in quel frangente, davanti a quei personaggi, quali sentimenti avranno provato, come avranno affrontato le prove, vissuto le gioie, le attese, i dolori? Come si saranno rivolti al Padre, per trovare forza e per renderGli grazie? Cosa dovremmo dedurne noi, come insegnamento per la nostra vita cristiana?
Può tornare utile anche usare un sussidio di meditazioni, per aiutarsi con qualche pensiero di Santi o del magistero della Chiesa, considerando quali luci abbiano ricevuto, su quei singoli punti, coloro che ci hanno preceduti nel cammino di santità, e poi farli “nostri”, cercando di applicarli come stimolo per la nostra vita spirituale.
“Meditare col Rosario significa consegnare i nostri affanni ai cuori misericordiosi di Cristo e della Madre sua”, ci dice Giovanni Paolo II; questa preghiera ci aiuta anche ad approfondire la nostra amicizia con Gesù, il nostro amore di figli a Maria Santissima, vedendo in loro i modelli per il nostro modo di essere cristiani anche negli episodi apparentemente più banali della nostra vita cristiana.
Ricorriamo con fiducia a quella che Padre Pio definiva “l'arma” contro il male, ne ricaveremo conforto, protezione e le luci spirituali che il Signore vorrà donarci.
                                                                                                                                    
(da ”Chiamati alla speranza” )

 

IL S. ROSARIO
con riferimenti biblici
e frasi dei Fondatori
della P.O.R.A


 

HOME